Domanda:
Cosa succede all'universo in contrazione in presenza della pressione della radiazione di Hawking?
draks ...
2014-01-29 02:43:29 UTC
view on stackexchange narkive permalink

I buchi neri rilasciano radiazioni di Hawking. Ora supponi che l'universo dopo tutto crolli di nuovo, portando tutta la materia in un unico buco nero. Presumo che questo piegherebbe anche l'intero spazio-tempo dell'universo, avvolgendolo attorno al buco nero.

Ora cosa succede all'universo in contrazione in presenza della pressione della radiazione di Hawking?

Potrebbe esserci un punto stabile in cui pressione e gravità sono bilanciate?

Una risposta:
#1
+4
Gerald
2014-02-24 04:08:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In un universo che si restringe, approssimativamente trisferico con solo un buco nero, la radiazione di Hawking dovrebbe seguire una linea geodetica e tornare al buco nero, senza esercitare pressione di radiazione sull'universo nel suo insieme.

Pertanto è difficile vedere come le radiazioni di Hawking dovrebbero stabilire un equilibrio con la gravità.

Sembra più fattibile che l'universo in contrazione possa impedire al buco nero di evaporare ulteriormente ad un certo punto, poiché le particelle e le radiazioni evaporate vengono reindirizzate nel buco nero dalla curvatura complessiva dello spaziotempo.

Ho pensato che il [principio di indeterminazione di Heisenberg] (http://en.wikipedia.org/wiki/Uncertainty_principle) avrebbe forzato alcuni effetti quantistici, come la radiazione di particelle, e quindi avrebbe prodotto una certa pressione su qualsiasi cosa ...
La radiazione di Hawking può essere vista come una conseguenza dell'incertezza di Heisenberg. Ma dove può agire la radiazione per esercitare una pressione? C'è solo il buco nero. La pressione di radiazione complessiva sul buco nero viene annullata dalla simmetria della costellazione.
Supponiamo che la radiazione del buco nero inizi da uno e ritorni all'altra estremità del buco. E se ci fosse una sorta di [effetto Casimir] (http://physics.stackexchange.com/q/100533/6292) tra le due parti dell'orizzonte degli eventi?
L'effetto Casimir è trascurabile nei vuoti di scala macroscopica. Per essere abbastanza forti da deformare lo spaziotempo in modo rilevante, dovremmo guardare agli orizzonti degli eventi vicini alla scala di Planck, o necessitare di un'enorme quantità di lamelle stratificate (per ottenere un effetto Casimir rilevante negli spazi stretti tra le lamelle) vicino a un orizzonte degli eventi macroscopico.
Gerald, grazie (+1) finora, devo pensarci ...


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...